RASSEGNA STAMPA

Cassa forense investe nell'assistenza

Cassa forense, nell' ottica del proprio progetto di welfare integrato , così come previsto dal Regolamento per l' assistenza, ha varato un pacchetto di norme che, attraverso lo stanziamento nel 2016 di circa 64 milioni di euro e di circa 65 milioni di euro nel 2017, ha introdotto misure a sostegno di tutta l' avvocatura.

Oltre all' assistenza per infortunio o malattia e bisogno individuale, sono state previste misure per avvocati con familiari non autosufficienti, portatori di handicap o di malattie invalidanti, borse di studio per i figli e per gli orfani di avvocati iscritti. Molte sono le iniziative a sostegno della salute e della professione. Un welfare passivo e soprattutto attivo che ha consentito a Cassa Forense, nel corso del 2017, di pubblicare e portare a compimento dodici bandi a sostegno dell' attività professionale e della salute dell' iscritto, di cui tre bandi di recente pubblicazione (il 15 novembre) a sostegno della famiglia (per esempio quelli su famiglie numerose e figli nati, adottati o affidati nel 2017); bandi a sostegno della professione (si tratta del bando di rimborso per l' acquisto di strumenti informatici e del bando che eroga borse di studio per l' acquisizione specifiche competenze professionali). Cassa forense ha anche portato a compimento una gara europea che offre una banca dati giuridica gratuita, ha realizzato un sistema di microcredito per cui i giovani a reddito basso beneficiano di garanzie dalla Cassa e nei casi più gravi vengono pagati anche gli interessi. Si sta lavorando inoltre all' implementazione della formazione degli avvocati italiani, il cui compito fa parte a pieno titolo del programma di assistenza degli iscritti. Un' altra scommessa vinta per Cassa Forense è stata la sensibilizzazione di tutti gli iscritti sulle opportunità connesse all' accesso ai fondi europei da parte degli avvocati italiani a seguito dell' equiparazione, voluta dai regolamenti comunitari, dei liberi professionisti alle piccole e medie imprese. Il frutto di questo lavoro svolto in sinergia con l' Adepp (l' Associazione degli enti di previdenza privati), ha consentito di realizzare, in collaborazione con molte regioni italiane che hanno accolto l' invito, bandi per liberi professionisti, con grandi benefici per gli iscritti. Di recente, il sito web di Cassa Forense si è arricchito del portale "Europa" che dedica un' apposita sezione ai temi europei e in particolare alle diverse forme di finanziamento da parte delle istituzioni dell' Unione europea. Cassa Forense, infine, sta portando avanti anche un importante programma di investimenti nell' economia reale, in tre macro-aree: supporto alle piccole e medie imprese con i fondi minibond; supporto allo sviluppo delle infrastrutture e investimenti in Banca d' Italia, Cdp Reti e F2i; stimolo alla nascita e alla crescita di nuove imprese. Il Regolamento per l' assistenza, con le sue previsioni e con i bandi pubblicati finora, rappresenta uno strumento ispirato a principi di sussidiarietà, di reciprocità, di sostegno e di lungimiranza, nel rispetto della sostenibilità economica e finanziaria dell' ente. Cassa Forense è e sarà sempre a fianco degli avvocati italiani per consolidare il proprio progetto di «Casa» forense.

Da Il Sole 24 Ore del 29/11/2017

Informazioni aggiuntive