RASSEGNA STAMPA

Bancarotta, scatta la doppia sanzione

La bancarotta documentale può concorrere con il delitto di occultamento o distruzione di documenti contabili e pertanto se l' imputato è già stato processato per il reato fallimentare non può invocare il ne bis in idem sostanziale per il procedimento relativo al delitto tributario. A confermare questo principio è la Corte di cassazione, sezione III penale, con la sentenza n. 18927 depositata ieri. Un imprenditore era condannato, in secondo grado per il reato di occultamento o distruzione di scritture contabili (articolo 10 del Dlgs 74/2000).

Nel ricorso per cassazione rilevava che era stato già condannato per il reato di bancarotta documentale (articolo 216 della legge fallimentare). Evidenziava quindi che la fattispecie di occultamento o distruzione di documenti contabili (oggetto del ricorso per cassazione) integrava una condotta identica e combaciante con la bancarotta documentale. Peraltro dall' analisi delle due imputazioni si deduceva la sussistenza della medesima condotta e quindi, poiché il reato più grave per il quale era intervenuta la condanna, era quello fallimentare doveva ritenersi assorbito l' altro di occultamento di documenti contabili. La bancarotta fraudolenta documentale prevede, infatti, la pena della reclusione da tre a dieci anni, nei confronti dell' imprenditore, se dichiarato fallito, che ha sottratto, distrutto o falsificato, in tutto o in parte, con lo scopo di procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto o di recare pregiudizi ai creditori, i libri o le altre scritture contabili o li ha tenuti in guisa da non rendere possibile la ricostruzione del patrimonio o del movimento degli affari. Il delitto tributario di occultamento o distruzione di documenti contabili riguarda invece chiunque, «salvo che il fatto costituisca più grave reato», al fine di evadere le imposte sui redditi o l' Iva occulta o distrugge in tutto o in parte le scritture contabili o i documenti di cui è obbligatoria la conservazione, in modo da non consentire la ricostruzione dei redditi o del volume di affari. È prevista la pena della reclusione da un anno e sei mesi a sei anni (fino al 22 ottobre 2015 da sei mesi a cinque anni). La relazione illustrativa al Dlgs 74/2000, a proposito della locuzione «salvo che il fatto costituisca più grave reato» introdotta nel delitto di occultamento di documenti contabili, evidenziava proprio che non era possibile ipotizzare il concorso con il delitto di bancarotta documentale.

Informazioni aggiuntive