DIRITTO E PREVIDENZA

Trasmissibilità agli eredi delle sanzioni connesse agli adempimenti previdenziali forensi

Nell’ambito di un sistema previdenziale obbligatorio, quale quello della Cassa Forense, la regolarità negli adempimenti dichiarativi e contributivi da parte degli iscritti, è un presupposto indispensabile per un corretto equilibrio nella gestione dei rapporti previdenziali e assistenziali.

I versamenti contributivi dei professionisti “attivi”, infatti, vengono destinati al pagamento dei trattamenti pensionistici in essere ed alle erogazioni di tipo assistenziale, fermo restando la costituzione delle riserve necessarie a garantire, nel tempo, l’equilibrio del sistema. A tal fine, il legislatore ha introdotto, nel tempo, un sistema sanzionatorio con una duplice funzione: deterrente innanzitutto, e riparatoria.
Le sanzioni con finalità esclusivamente “deterrente” e, quindi, di tipo afflittivo (v. Cassazione, sezione lavoro, n. 14475 del 19/06/2009), trovano applicazione per le irregolarità connesse ad adempimenti previdenziali obbligatori per i quali sussiste il principio della responsabilità personale e, pertanto, sono riconducibili tipicamente alle sanzioni amministrative.
Le sanzioni con finalità “deterrente” e “riparatorie” con funzione, quindi, di rafforzamento dell’obbligo contributivo e di predeterminazione legale del danno cagionato alla Cassa,   riconducibili ai ritardi e alle omissioni nei versamenti dei contributi obbligatori, sono tipicamente sanzioni civili (Cassazione, sezione lavoro, n. 14475 del 19/06/2009).
La classificazione delle sanzioni, ovviamente, produce effetti anche in tema di trasmissibilità delle stesse agli eredi:

  • le sanzioni amministrative non sono trasmissibili, per espressa disposizione dell’art. 7 della legge 689/1981;
  • le sanzioni civili, non trovando applicazione il principio della responsabilità personale, soggiacciono al principio generale in materia di obbligazioni e, pertanto, sono trasmissibili agli eredi.

Clicca qui per visualizzare le irregolarità nel sistema previdenziale forense, riportate in modo schematico

Roberto Bigi - Ufficio accertamenti contributivi e dichiarativi di Cassa Forense

Informazioni aggiuntive