NOTIZIE DALLA CASSA

Cumulo gratuito e definizione agevolata: indicazioni agli iscritti

Cumulo gratuito: prime indicazioni

Il Consiglio di Amministrazione di Cassa Forense ha ritenuto di dover fornire le prime indicazioni operative circa l’applicazione del nuovo istituto del  “cumulo gratuito” di cui alla legge 24/12/2012, n. 228, così come modificato dal comma 195 dell’art. 1 della legge 11/12/2016, n. 232 che ne ha esteso l’operatività, a decorrere dal 1°/01/2017, anche agli iscritti alle Casse professionali.
In tal senso, è stata condivisa ed approvata l’allegata circolare, a firma del Direttore Generale, in attesa di poter fornire istruzioni più dettagliate una volta emanati i necessari ed auspicati chiarimenti legislativi e/o Ministeriali in ordine al coordinamento della nuova normativa con la specifica disciplina delle singole Casse.

 

Definizione agevolata: indicazioni agli iscritti

Il Consiglio di Amministrazione di Cassa Forense nella seduta dell’8 febbraio 2017, ha esaminato le problematiche relative al D.L. 193/2016, convertito con Legge 225 del 1° dicembre 2016.
Fermo restando che Cassa Forense è critica nei confronti del contenuto del provvedimento e della metodologia utilizzata per la sua emanazione, che lede l’autonomia gestionale e organizzativa degli Enti Previdenziali privati e presenta profili di iniquità tra gli iscritti, il Consiglio di Amministrazione, verificata la mancata esclusione dell’Ente dal novero dei soggetti destinatari della previsione dell’art. 6 del suddetto decreto (definizione agevolata), ha preso atto dell’applicabilità di tale normativa anche alle somme iscritte dalla Cassa Forense nei ruoli relativi al periodo 2000/2016. Tali somme, pertanto, potranno essere versate, dai soggetti interessati, con le modalità e nei termini previsti dal citato art. 6, previa domanda di adesione alla procedura di definizione agevolata, da formulare entro il 31/03/2017, direttamente ad Equitalia.

Informazioni aggiuntive