Polizza infortuni a metà

L' obbligo di stipulare una polizza assicurativa contro gli infortuni a carico degli studi legali sarà dovuto esclusivamente nei confronti dei collaboratori. L' avvocato sarà, quindi, esentato dall' obbligo che, insieme alla copertura sulle responsabilità civili, è in vigore da oggi.

Leggi tutto...

L'università cambi: oggi serve l'avvocato 2.0

«È necessario rivedere il corso di laurea in giurisprudenza per aggiornarlo ai cambiamenti intervenuti nella nostra società negli ultimi anni», dichiara Alberto Vermiglio, eletto per acclamazione presidente dell' Associazione italiana giovani avvocati al termine del congresso nazionale conclusosi sabato scorso a Foggia. Alberto Vermiglio, avvocato messinese specializzato in diritto societario e bancario, succede a Michele Vaira e resterà in carica fino al 2019. Questa è la sua prima intervista al Dubbio.

Leggi tutto...

Cassa Forense, 13,8 mln per gli iscritti

Ultima chiamata per gli avvocati. C' è tempo fino al 31 ottobre per partecipare all' assegnazione delle provvidenze messe a disposizione da Cassa Forense per gli iscritti con figli al primo anno di scuola secondaria, per l' assegnazione di contributi alle famiglie monogenitoriali e agli avvocati che vogliono conseguire il titolo di cassazionista. Ma soprattutto sono previsti anche aiuti per gli under 35. Il tutto per un importo complessivo previsto di 13,8 milioni di euro.

Leggi tutto...

Risarcibile il danno causato dalla paura di ammalarsi

È risarcibile il danno morale attinente al timore che una patologia fatale possa insorgere, laddove esistano condizioni mediche tali da comportare il rischio di contrarre tale patologia (e dove sia stata comunque riconosciuta la sussistenza di una malattia conseguente alla mancata adozione di misure di sicurezza).

Leggi tutto...

Certificazione Anac su richiesta per attestare il «rating di impresa»

Il decreto correttivo al codice appalti ha introdotto rilevanti novità nella disciplina del "rating d'impresa" e del "rating di legalità". In particolare, l'art. 52 del D.Lgs. n. 56/2017 (c.d. decreto correttivo al codice dei contratti pubblici) ha modificato in maniera sostanziale il contenuto dell'art. 83 del predetto codicein tema di "rating di impresa", sia in merito ai requisiti reputazionali dell'impresa, sia in merito ai relativi criteri di valutazione dei requisiti medesimi.

Leggi tutto...